Edmond de Rothschild

Benvenuti nel nostro Fund Center

Questo sito propone informazioni complete sulle gamme di fondi del Gruppo Edmond de Rothschild. Offre in particolare un accesso semplificato ai dati principali relativi ai fondi (rendimenti, valori patrimoniali netti, caratteristiche) e relativi documenti commerciali o legali.

Si prega di selezionare il paese nel quale si risiede e specificare la categoria di investitori alla quale si appartiene :
Mobile Logo

MILLESIMA 2024 Obbligazioni corporate

Obbligazioni corporate
Andamento del NAV (24/04/2018)
1.229,07 EUR
Raphaël  CHEMLA–FR0011255207–
Raphaël CHEMLA
Julie GUALINO-DALY–FR0011255207–
Julie GUALINO-DALY
L’identità dei gestori presentati in questo documento potrà variare nel corso della vita del prodotto.
Profilo di rischio e di rendimento (1)
1234567
1.229,07 EUR
Andamento del NAV (24/04/2018)
2
1234567
Profilo di rischio e di rendimento
Orizzonte d’investimento
Andamento del NAV (24/04/2018)
1.229,07 EUR
Profilo di rischio e di rendimento
1234567
Orizzonte d’investimento
Raphaël CHEMLA  
Julie GUALINO-DALY  
L’identità dei gestori presentati in questo documento potrà variare nel corso della vita del prodotto.
Contattaci

Obiettivo d'investimento

MILLESIMA 2024 ha come obiettivo, sull'orizzonte d'investimento consigliato, di realizzare una performance correlata ai mercati di tasso internazionali, in particolare esponendosi a titoli ad alto rendimento di scadenza massima dicembre 2024.

+ -

Commenti 29/03/2018

Marzo è stato un mese difficile per i mercati obbligazioni corporate investment grade con un forte aumento dell'avversione al rischio. Le misure protezionistiche degli USA, con nuovi dazi su acciaio e alluminio, hanno suscitato il timore di una guerra commerciale globale, spiazzando gli investitori. Ciò ha fatto salire le obbligazioni di riferimento a più lunga scadenza, con il rendimento sui Treasury a 10 anni che perde 13 punti base e il Bund a 10 anni che ne perde 18. La Fed, come previsto, ha aumentato i tassi di un quarto di punto. Le previsioni al momento indicano ancora due aumenti per quest'anno. Sono invece salite quelle per l'anno prossimo. In Europa, i dati economici, compresa l'inflazione, sono stati un po' sotto le attese. Le elezioni italiane non hanno scosso i mercati, anche se si sono affermati i partiti populisti. I mercati creditizi hanno avuto un pessimo mese, con l'aumento degli spread quasi giornaliero. Essi sono ormai tornati ai livelli di settembre 2017 in gran parte dei mercati. Ciò malgrado anche il calo delle emissioni societarie IG nel T1 sotto le attese.Dopo un eccellente e promettente avvio, il credito chiude malamente con i rendimenti complessivi e in eccesso in negativo. Mentre l'UE ha incassato un'esenzione dell'ultimo minuto dai dazi su acciaio e alluminio, la possibilità di una guerra commerciale mondiale ha compromesso il clima. In questo quadro, le riunioni delle banche centrali a sorpresa hanno segnato un passo a lato: la Fed ha aumentato il tasso obiettivo di 25 pb all'1,5-1,75% e la BCE ha ritoccato le previsioni sul QE, confermando l'ipotesi degli economisti secondo cui l'acquisto di attivi potrebbe chiudersi quest'anno. Malgrado i dati economici restino positivi, suggeriscono un rallentamento in atto. I PMI della zona euro continuano a rallentare a marzo e il PMI composito è sceso per il secondo mese consecutivo. Gli spread HY sono risaliti a marzo (iBoxx HY NFI +24 pb a 291 bp), con risultati negativi per il secondo mese consecutivo. L'iBoxx HY NFI perde lo 0,2% ed è battuto di poco dalle Finanziarie (-0,2%) sul mese. Gran parte dei settori è in perdita, con Edilizia (+0,3%), Sanitario (+0,3%) e Utilities (+0,1%) in testa a marzo e un buon risultato anche delle Risorse (+0,1%). I risultati peggiori del mese sono di Tecnologia (-0,6%), Petrolio e Gas (-0,3%) e Industriali (-0,3%). I titoli CCC (-1%) sottoperformano i BB (-0,2%) e i B (-0,1%), anche se restano ben al di sopra sull'anno in corso (+1,5%). Invece, il T1 2018 è stato il primo trimestre di rendimenti negativi per l'high yield (iBoxx HY NFI -0,68%) da quasi tre anni (T3 2015 -3,45%), con un calo da inizio anno importante per i titoli BB (-0,98%).

+ -

Andamento del NAV

Grafico (24/04/2018)
Avertissement
Stai per scaricare dati numerici storici di un portafoglio. Ti rammentiamo che i risultati realizzati in passato non sono indice di risultati futuri e non sono costanti nel tempo. Tali dati possono infatti risentire dell’andamento dei tassi di cambio.

Rendimento I-EUR Complessivo Anualizzato
Da 01/01/2018

-0,03%

-0,03%

1 anno

0,20%

0,20%

3 anni

2,57%

0,85%

5 anni

12,77%

2,43%

Dalla creazione

22,91%

3,56%

Da 01/01/2018 1 anno 3 anni 5 anni Dalla creazione
Complessivo

Quota (I-EUR)

Indice di riferimento

-0,03%

0,20%

2,57%

12,77%

22,91%

Anualizzato

Quota (I-EUR)

Indice di riferimento

0,20%

0,85%

2,43%

3,56%

*Rolling periods

Rendimento annuale



Caratteristiche

Data de creazione (Fondo)
01/06/2012
Data de creazione (Part)
01/06/2012
Forma Giuridica
Fondo comune aperto
Valuta di riferimento (fondo)
EUR
Valuta (quota)
EUR
Investimento minimo
1000000.00 EUR
Codice ISIN
FR0011255207
Attivo netto (fondi)
22 M (EUR)
Organismo di tutela
AMF
Regolamento UE
UCITS
Società di gestione
Edmond de Rothschild Asset Management (France)
Paese di domiciliazione
Francia
Spese di gestione massimo
0,350 %
Spese di gestione applicate
0,350 %
Modalità di sottoscrizione e di rimborso
Ogni giorno prima delle 11h00 sulla valore di liquidazione del giorno
Commissione di sottoscrizione
4,00 % max
Commissione di rimborso
1,00 % max

Documentazione

Seleziona tutto

(1) L'indicatore sintetico di rischio e rendimento classifica i fondi su una scala da 1 a 7. Questo sistema di classificazione si basa sulle fluttuazioni medie del valore patrimoniale netto negli ultimi cinque anni, vale a dire l'ampiezza di variazione dell'insieme del portafoglio al rialzo e al ribasso. Se il valore patrimoniale netto è inferiore a cinque anni, il rating è determinato mediante altri metodi di calcolo regolamentari. I dati storici quali quelli utilizzati per il calcolo dell’indicatore sintetico potrebbero non fornire indicazioni attendibili in merito al futuro profilo di rischio. L'attuale categoria non costituisce né una garanzia né un obiettivo. La categoria 1 non significa che l'investimento è esente da rischi.